Segnalazione degli illeciti – Whistleblowing

L'art.1, comma 51 della legge 190/2012 ha introdotto un nuovo articolo nell'ambito del D.Lgs. n. 165/2001, l'art. 54 bis, rubricato "Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti", il cd. Whistleblower, che prevede che le pubbliche amministrazioni adottino misure volte a garantire:
 
  • La tutela dell'anonimato;
  • Il divieto di discriminazione nei confronti del whistleblower;
  • La sottrazione della denuncia al diritto di accesso, fatta esclusione delle ipotesi eccezionali previste dal comma 2 del nuovo articolo 54 bis del D. Lgs. 165/2001.
ANSF, in linea con quanto previsto dalla Legge 190/2012, dal Piano Nazionale Anticorruzione e, da ultimo, dalla determinazione n. 6/2015 ANAC, ha adottato la propria procedura per la gestione della segnalazione degli illeciti, in aggiornamento della precedente, con l'obiettivo di fornire al personale in servizio indicazioni chiare e di facile comprensione sulle modalità di gestione delle segnalazioni, al fine di diffondere e sviluppare la consapevolezza della possibilità di segnalare, in regime di tutela e protezione, illeciti ed irregolarità, anche presunti, commessi ai danni dell'interesse pubblico.
La presente procedura si applica anche per la gestione delle segnalazioni provenienti dalla società civile ed aventi ad oggetto illeciti verificatisi in ANSF.
 
I soggetti che intendono segnalare situazioni di illecito (delitti contro la PA di cui al Titolo II, Capo I del codice penale, abuso da parte di un soggetto del potere a lui affidato al fine di ottenere vantaggi privati, mal funzionamento dell'amministrazione, inquinamento ab externo dell'azione amministrativa, etc) possono compilare il seguente modello, e inviarlo:
 
  • tramite email, all' indirizzo di posta elettronica: anticorruzione@ansf.gov.it;
  • a mezzo del servizio postale in forma cartacea all'indirizzo dell'ANSF, Piazza della Stazione, 45 – 50123 Firenze, indirizzata al Responsabile della prevenzione della corruzione. Il modulo deve essere contenuto in doppia busta chiusa e sulla busta deve essere presente la seguente dicitura: PERSONALE – NON APRIRE.
Tutte le segnalazioni, indipendentemente dal mezzo di trasmissione, saranno esaminate esclusivamente dal Responsabile della prevenzione della corruzione, tutelando l'anonimato di colui che effettua la segnalazione ai sensi di quanto previsto dalla normativa vigente.