RIN

RIN (Registro di Immatricolazione Nazionale, NVR in inglese) è il registro gestito dall’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie nel quale sono inseriti i dati dei veicoli secondo quanto previsto all'articolo 16 del D.Lgs. 14 maggio 2019, n.50 e all'articolo 22 del D.Lgs. 14 maggio 2019, n. 57.


L'accesso alla banca dati è consentito esclusivamente agli utenti registrati.

Accesso al registro

Fonti normative correlate (il richiamo a normativa precedente presente in taluni atti vigenti deve essere considerato con riferimento ai contenuti delle attuali fonti normative):

 

Normativa nazionale

 

Normativa europea

  • Decisione 2007/756/CE della Commissione, del 9 novembre 2007, che adotta una specifica comune per il registro di immatricolazione nazionale di cui all'articolo 14, paragrafi 4 e 5, delle direttive 96/48/CE e 2001/16/CE.
  • Decisione di esecuzione (UE) 2018/1614 della Commissione, del 25 ottobre 2018, che stabilisce le specifiche per i registri dei veicoli di cui all'articolo 47 della direttiva (UE) 2016/797 del Parlamento europeo e del Consiglio e che modifica la decisione 2007/756/CE della Commissione.
  • Regolamento di esecuzione (UE) 2019/773 della Commissione, del 16 maggio 2019, relativo alla specifica tecnica di interoperabilità per il sottosistema «Esercizio e gestione del traffico» del sistema ferroviario nell'Unione europea e che abroga la decisione 2012/757/UE.

 

Provvedimenti regolamentari di carattere generale emessi dall’Agenzia

 

Provvedimenti regolamentari complementari emessi dell’Agenzia

  • Decreto ANSF n. 3/2019 del 02/07/2019 “Disciplina delle regole e delle procedure, ai sensi dell’art. 16, comma 2, lettera bb), del decreto legislativo 14 maggio 2019, n. 50, applicabili alle reti funzionalmente isolate dal resto del sistema ferroviario nonché ai soggetti che operano su tali reti” e specificatamente l’allegato 3 relativo alle “Norme per la registrazione dei veicoli circolanti sulle reti funzionalmente isolate dal resto del sistema ferroviario” in attuazione del disposto di cui all’art. 16, comma 2, lettera bb), punto 7 del decreto legislativo 14 maggio 2019, n. 50.