Che cos'è l'Agenzia

L'Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle ferrovie (ANSF) è stata istituita ai sensi del Decreto legislativo 10 agosto 2007, n. 162 di recepimento della direttiva 2004/49/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004.

Con l’entrata in vigore del Decreto legislativo 14 maggio 2019, n.50 di recepimento della direttiva 2016/798/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 11 maggio 2016 (direttiva relativa alla sicurezza delle ferrovie comunitarie), il ruolo di autorità nazionale preposta alla sicurezza è stato assegnato all’”Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali (ANSFISA)”, istituita dal decreto-legge 28 settembre 2018, n. 109, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2018, n. 130, che sostituisce l'Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie (ANSF).

Si precisa che fino a quando non sarà intervenuta la piena operatività di ANSFISA, le competenze in materia di sicurezza ferroviaria, con le connesse attività di carattere strumentale, continuano ed essere svolte dall’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) ai sensi del combinato disposto dell’articolo 12, comma 19, del decreto legge 28 settembre 2018, n. 109, convertito con modificazioni nella legge 16 novembre 2018, n. 130 e dell’art. 31, comma 6, del Decreto Legislativo 14 maggio 2019, n.50.

ANSF opera dal 16 giugno 2008 ed è un tecnicamente indipendente rispetto a tutti gli operatori nel campo del trasporto ferroviario.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti esercita una funzione di vigilanza sull'operato dell'ANSF ed espleta anche i controlli di legge previsti in relazione alla forma giuridica che è stata individuata per l'Agenzia.

ANSF fornisce agli operatori ferroviari i principi informatori delle disposizioni e prescrizioni di loro competenza e vigila affinchè siano mantenuti gli attuali livelli di sicurezza, inoltre ne promuove il costante miglioramento in relazione al progresso tecnico e scientifico, garantisce un trattamento equo e non discriminatorio a tutti i soggetti interessati alla produzione di trasporti ferroviari, contribuisce all'armonizzazione delle norme di sicurezza nazionali e internazionali favorendo l'interoperabilità della rete ferroviaria Europea.


I principali compiti operativi che l'Agenzia svolge sono:

  • definire il riordino del quadro normativo nazionale in materia di sicurezza della circolazione ferroviaria in coerenza con il quadro normativo europeo;
  • verificare l'applicazione delle norme adottate;
  • rilasciare autorizzazioni di sistemi, sottosistemi e componenti;
  • rilasciare certificati unici di sicurezza alle Imprese ferroviarie e le autorizzazioni di sicurezza ai Gestori dell'infrastruttura;
  • collaborare con l’”Agenzia dell’Unione europea per le ferrovie (ERA)”.